Manpages

NOME

fuser − identifica i processi che stanno usando i file

SINTASSI

fuser [−a|−s] [−n space] [signal] [−kmuv] nomefile ... [] [−n space] [signal] [−kmuv] nomefile ...
fuser
−l
fuser
−V

DESCRIZIONE

fuser mostra i PID dei processi che stanno usando i file o i file system specificati. Di default mostra ogni nome di file seguito da una lettera che denota il tipo di accesso:

c

directory corrente.

e

eseguibile in esecuzione.

f

file aperto. Di default f è omesso.

r

root directory.

m

file memory mapped o shared library.

fuser restituisce un codice di ritorno diverso da zero se nessuno dei file specificati sta subendo un accesso o in caso di fatal error. Se almeno uno dei file sta subendo un accesso, fuser ritorna zero.

OPZIONI

−a

Mostra tutti i file specificati nella riga di comando. Di default, sono mostrati solo in file usati da almeno un processo.

−k

’’Killa’’ i processi che usano il file. Finché non è cambiato con -signal, è inviato SIGKILL. Un processo fuser non può mai killare se stesso, ma può killare altri processi fuser. Lo user ID effettivo del processo che esegue fuser è impostato al suo user ID reale prima di effettuare il kill.

−l

Mostra tutti i nomi dei signal noti.

−m

nomefile specifica un file su di un filesystem montato o un device a blocchi che è montato. Sono mostrati tutti i processi che accedono ai file su quel file system. Se è specificato un file directory, è automaticamente cambiato in nomefile/. per usare un qualsiasi file che potrebbe essere montato in quella directory.

−n space

Seleziona un diverso name space. Sono supportati i name space file (nomi di file, il default), udp (porte UDP locali), e tcp (porte TCP locali). Per le porte, può essere specificato o il numero della porta o il nome simbolico. Per i name space udp e tcp, possono essere usate le notazioni abbreviate port/proto.

−s

Silent operation. In questa modalità −a, −u e −v sono ignorati.

signal

Usa il signal specificato invece di SIGKILL quando killa i processi. I signal possono essere specificati o con il nome (p.es. −HUP) oppure con il numero (p.es. −1).

−u

Aggiunge il nome dell’utente proprietario del processo ad ogni PID.

−v

Verbose mode. I processi sono mostrati in modo simile a ps. I campi PID, USER e COMMAND sono simili a ps. ACCESS mostra come il processo accede al file.

−V

Mostra la versione.

Riazzera tutte le opzioni e imposta il signal ancora a SIGKILL.

FILE

/proc posizione del filesystem proc

ESEMPI

fuser -km /home killa tutti i processi che accedono in un modo qualsiasi al file system /home.

if fuser -s /dev/ttyS1; then :; else qualcosa; fi chiama qualcosa se nessun altro processo tra usando /dev/ttyS1.

fuser telnet/tcp mostra tutti i processi alla porta TELNET (locale).

RESTRIZIONI

I processi che accedono più volte allo stesso file o allo stesso file system sono mostrati solo una volta.

Se lo stesso oggetto è specificato più volte nella riga di comando, alcune di quelle voci potrebbero essere ignorate.

fuser è in grado di raccogliere solo informazioni parziali finché non è avviato con i privilegi adeguati. Di conseguenza, i file aperti da processi appartenenti ad altri utenti potrebbero non essere elencati e gli eseguibili potrebbero essere classificati solo come mapped.

Installando fuser SUID root si eviteranno i problemi associati con le informazioni parziali, ma ciò potrebbe essere indesiderabile per ragioni di sicurezza e privacy.

I name space udp e tcp, o gli UNIX domain socket non possono essere ricercati con kernel più vecchi del 1.3.78.

AUTORE

Werner Almesberger <werner.almesberger [AT] lrc.ch>

VEDERE ANCHE

kill(1), killall(1), ps(1), kill(2)

COMMENTS